Quando uno pensa grafica…

…pensa ad un’applicazione intuitiva, facile da usare, rapido, che ti permette di fare delle figate in poco tempo, con strumenti non invasivi e, soprattutto, che non ti odiano.

Fondamentalmente quando uno pensa grafica, pensa Photoshop.

GIÀ, Dacav, Photoshop, cazzo. Sapete, sono uno che fa grafica da anni, ormai. Quando avevo 19 anni facevo da impaginatore di riserva per AnomaliE, la rivista dell’associazione. Mai bravo quanto Luber, sappiatelo, ma quando c’era da lavorare fino alle 3 con delle persone che richiedevano precisione ed ottimi risultati, beh, ero là. E non riuscirei mai ad immaginarmi mentre lo faccio con GIMP. Lasciando perdere il discorso “GIMP non supporta Out-Of-The-Box il modello di colorazione CMYK, ma solo attraverso un Plug-In che fa cagare”, perchè è una causa persa, visto che quelli che fanno GIMP non sembrano intenzionati ad aggiungere questa feature.

Ma perchè questa RAGE non chiamata? Guardate, il motivo è semplice. In pratica volevo modificare il Blavatar del blog, prendendo un’immagine e cambiandone lo sfondo da chiaro, che la rendeva indistinguibile a 16×16, a scuro. Una cazzata, no? Allora ho detto

Usiamo GIMP, voglio dire, quale modo per iniziare ad usarlo migliore di una cosa così stupida?

Non l’AVESSI MAI DETTO! Diapositiva e poi continuiamo

Un'immagine di Scanty & Stockings con lo sfondo chiaro

Eccovi l'immagine incriminata

Ok, allora, iniziamo a lavorarci. Dovete sapere che, in questi casi, lo strumento “Bacchetta Magica”, l’arma preferita dai Nabbi, non serve ad un cazzo. Perchè?

Oh, ma è semplice, perchè i colori sono troppo vicini, quindi mettendo l’immagine tagliata su uno sfondo scuro si vedranno di sicuro gli effetti di antialias per il colore chiaro sui bordi, in quanto, se notate, i capelli sono molto vicini al colore di sfondo (Sì, colore pastello versus panna. Vicini.). Che fa il nabbo? Beh, prende la “Bacchetta Magica” e CLICK! Selezione fatta. E viene una merda.

Ma voi state parlando col maestro delle curve di Bezier, sì, quelle contro le quali Ranger sta combattendo da ben 9 mesi! Le curve di Bezier permettono un’enorme libertà e controllo sul risultato, permettendovi di creare delle forme rotonde come non è possibile con le altre selezioni, mantenendo il controllo della forma come se fossero delle linee dritte. Il massimo per chi ritaglia ed ha bisogno di alta precisione. Beh, allora diamoci dentro!

Click.

“Curva di Bezier. Ottimo, eccola.”

Click, trascina per regolare i control points.

“Hum, ok, adesso ho messo la prima ancora, magnifico. Magari un po’ grande, vabbeh, vedremo.”

Click, aggiungi una nuova ancora, trascina.

“Ah, cacchio. Ho sbagliato a posizionarla. Dunque. [ALT] per spostare i punti…”

[ALT], Click sull’ancora incriminata, trascina per spostare. Si sposta tutta la curva.

Bestemmie. Tantissime, tante da far fuggire il Gatto Ivan. Tante da far tornare a casa i miei che erano fuori a cena. Tante da farmi dimenticare che cosa ho fatto oggi a Red Dead Redemption. Con questo Irlandese, che impreca quasi quanto me.

“Hmp.” Provo tutte le combinazioni, mi concentro sulla musica per non far esplodere qualcosa. Poi scopro che, hei, senza che nessuno ti dicesse nulla, basta cliccare sull’ancora e trascinarla per spostarla. Cazzo. Sul tutorial ufficiale? Beh, ovviamente ti dicono che puoi trasformarle usando i soliti strumenti, come scala, ruota, ecc. E avevo bisogno di farmelo dire da voi?!?

Comunque, fatto sta che, una volta imparato come funzionava, lasciando perdere il fatto che i segnaposto per le ancore sono grandi quando una casa, dello stesso colore del path creato dalle curve, il quale non vi fa capire nulla della direzione della curva nella zona vicina all’ancora, in una decina di minuti, grazie alle mie skills passate ho prodotto questo:

Uno screenshot dove mostro a che punto ero arrivato con il lavoro in GIMP

Se devo essere sincero, sarò un po' arrugginito, ma sono particolarmente fiero di questo lavoro.

Beh, così vedete anche cosa intendo per “segnaposto per le ancore grandi come una casa”. Comunque, un ottimo path, preciso, figo.

Ottimo! Clicco su “Selection from Path”, selezione fatta! Creo un nuovo layer, lo riempio di colore grigio scuro, lo metto sotto il layer delle due succubi e mi preparo.

[DEL]! Non accade NULLA. NULLA! [DEL] Ancora. Niente.

RAGE applicata al PC, inizia un counter, vicino allo schermo, alla fine smetto e la folla è in delirio. Un annunciatore (“THE VOICE”, probabilmente) urla:

Snapshot da “Scott Pilgrim Vs. The World”

...64 HIT COMBO!

Ovviamente era quante volte avevo premuto [DEL] durante una singola Revolver Action al mio PC.

Incazzato prendo il mio Browser dell’Internet e cerco. Alla fine arrivo in un altro Blog, NEANCHE la guida ufficiale, il quale mi dice che, se voglio fare dei layer con della trasparenza devo, OVVIAMENTE, andare sul layer nella Dock dei Layers (Ok), premere tasto destro del mouse e selezionare…

ADD ALPHA CHANNEL

Sto lavorando con uno strumento avanzato di manipolazione d’immagini e devo DIRE ESPRESSAMENTE che voglio la trasparenza! Lo capite?!? Capite cosa voglio dire? Un layer senza trasparenza è come… È COME!

È COME LAVORARE A MS PAINT CAZZO!

ImageMacro

>9000 ore a... GIMP, cazzo

E poi, mi spiegate allora a che serve poi l’opzione “Lock Alpha channel” a quel punto? Mavaffanculo.

Abilita. L’Alpha. Channel. CLICK.

Uff. Ora cancello. Oh. Finalmente. Faccio delle correzioni utilizzando uno o due strumentilli che funzionano in una maniera coerente e quindi, dopo tutta la RAGE, raggiungo un risultato.

Un'immagine di Scanty & Kneesocks con lo sfondo scuro

Eh, dite nulla voi.

Appunto, vi sembrerà una cazzata. Ma adesso ho le due sorelle succubi tagliate fuori. CON LO SFONDO TRASPARENTE.

Bene. Volevo parlare di altro? Hm. Ah! Della serie: “Cosa guarda il Signor Jazzinghen la sera nella sua stanzetta”…

Uno snapshot preso da Kore Wa Zombie Desu Ka?

E quì vediamo uno zombie MASCHIO vestito da maghetta che brandisce una motosega arcana che sta andando a picchiare una Balena volante gigante vestita da teppista delle scuole superiori...

MA CHE CAZZO STO GUARDANDO?!? No, SRSLY, è un ottimo anime e questo episodio non era male anche se era un po’ più serio degli altri…

Rhytmbox suona: “Juice – Jun Sasaki” della OST di Panty & Stocking with Garterbelt. Un rapporto sessuale riassunto in un minuto o poco più. Ma stasera che è?

Pubblicato il febbraio 2, 2011, in Ramblings con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: