Archivi categoria: Ramblings

Testi a caso, senza un significato speciale.

Half of an Episode

Ore 20:11 ~ A casa invece che a Taiji perchè ho ancora un po’ di postumi.

Siccome altra gente ha parlato della Mantova Comics eviterò perchè non è che ho molto di cui parlare tranne che sono stato male tutto il giorno 😉

Così parlerò di una cosa che ho guardato domenica, in “convalescenza”, che mi ha lasciato un po’…

Basito?

Leggi il resto di questa voce

Annunci

Leggo i doujinshi di “The iDOLM@STER” di Naomi Nekomata per la storia: una recensione de “The iDOLM@STER”

Ore 01:17 ~ Appena tornato da una serata fuori con gli amici.

La giornata è stata una di quelle… Non so se pessime. Di sicuro non da mettere negli annali. Io e GODS abbiamo preso i soliti cazzi schiaffi in faccia da parte della board sulla quale stiamo lavorando per il progetto, mi ha scritto la segreteria della DTU dicendomi che, in pratica, non possono fare una delle cose per la quale vengono pagate e…

Uno screenshot del mio PC che mostra la cartella di “The iDOLM@STER” con 3 (!) files

...torno a casa e vedo questo.

Leggi il resto di questa voce

[Day Striders] Correre in discesa

Ore 17:03 ~ I muscoli, gli occhi e l’autostima fanno male.

Ok. Questo post, purtroppo, sarà molto tecnico. Come possono esserlo tutti i miei post tecnici, in realtà. Non aspettatevi tutorials o cose così. Se siete quì per cercare aiuto sulla piattaforma Xilinx ML310 con Virtex II Pro… Siete nel posto sbagliato. Ne abbiamo bisogno anche noi.

Ma che dico? Ormai non c’è più nessuno che usa questa piattaforma. Non con Xilinx ISE 9.1i SP3 e EDK 9.1i SP2…

Ma prima d’iniziare, lasciate che vi mostri un’immagine…

Un'immagine direttamente dalla mia cartella

Non sapete quante idee per videogames o campagne mi sono venute in mente partendo da quest'illustrazione. Se avete bisogno di uno spunto, comunque, ecco a voi.

Leggi il resto di questa voce

Quando uno pensa grafica…

…pensa ad un’applicazione intuitiva, facile da usare, rapido, che ti permette di fare delle figate in poco tempo, con strumenti non invasivi e, soprattutto, che non ti odiano.

Fondamentalmente quando uno pensa grafica, pensa Photoshop.

GIÀ, Dacav, Photoshop, cazzo. Sapete, sono uno che fa grafica da anni, ormai. Quando avevo 19 anni facevo da impaginatore di riserva per AnomaliE, la rivista dell’associazione. Mai bravo quanto Luber, sappiatelo, ma quando c’era da lavorare fino alle 3 con delle persone che richiedevano precisione ed ottimi risultati, beh, ero là. E non riuscirei mai ad immaginarmi mentre lo faccio con GIMP. Lasciando perdere il discorso “GIMP non supporta Out-Of-The-Box il modello di colorazione CMYK, ma solo attraverso un Plug-In che fa cagare”, perchè è una causa persa, visto che quelli che fanno GIMP non sembrano intenzionati ad aggiungere questa feature.

Ma perchè questa RAGE non chiamata? Guardate, il motivo è semplice. In pratica volevo modificare il Blavatar del blog, prendendo un’immagine e cambiandone lo sfondo da chiaro, che la rendeva indistinguibile a 16×16, a scuro. Una cazzata, no? Allora ho detto

Usiamo GIMP, voglio dire, quale modo per iniziare ad usarlo migliore di una cosa così stupida?

Non l’AVESSI MAI DETTO! Diapositiva e poi continuiamo

Un'immagine di Scanty & Stockings con lo sfondo chiaro

Eccovi l'immagine incriminata

Leggi il resto di questa voce

Le cene, la gente che pensavi di conoscere e la gente CHE CONOSCEVI

Ore 00:14 ~ Colonna sonora di Metal Gear Solid 3 nelle orecchie ~ Riassunto della giornata di oggi:

  • Mi sveglio, TARDI, perchè ho deciso di riposare un po’ di più oggi
  • Università, studio calcolabilità
  • Alle 15 vado dal professore che tiene il corso di calcolabilità che mi CAPISCE gli esercizi dell’esame (Grazie, veramente. Ora ho una base. Non pensavo fosse così gentile)
  • Università ancora, calcolabilità e delle immagini a caso da 4chan
  • Io ed il GODS ci guardiamo. Ora di scendere in città
  • Cena al ristorante Saporoso con gente che conosco e gente che non conosco così bene e gente che non conoscevo
  • Due passi

“E?” chiederete voi.

“Eeeeh…” risponderò io.

Immagine di Lilith di Borderlands

...Niente Borderlands stasera.

Leggi il resto di questa voce

[DayStriders] Final Fantasy XIII-2 ~ Teaser

Arrivo sulla mia mail e che vedo?

QUESTO

E, come direbbe un acclamato esperto…

Ma Vaffanculo!

Guardate, sto buttando giù una teoria… C’è un rapporto che regola la pubblicazione di giochi della Square-Enix, secondo me:

La probabilità che venga pubblicato un Final Fantasy *-2 è inversamente proporzionale alla Bellezza del suddetto Final Fantasy

Per dimostrarlo: Avete visto un Final Fantasy XII-2 con Balthier e Fran che fanno figate? Mentre un Final Fantasy X-2 dove tre tizie si cambiano d’abito solo per tintillare la fantasia dei fan? Ed un Final Fantasy XIII-2 dove l’unico personaggio serio del team diventa una tizia vestita con un’armatura ridicola? OTTIMO.

I’m a thinker, I could break it down / I’m a shooter, a drastic baby

Ore 2:20 ~ Post Corso di “Masteraggio” per Giochi di Ruolo. A casa dopo tre ore di insegnamento con delle persone con grandi potenziali (Oh, cavolo. Devo mandare una mail, un secondo… Fatto), un’altra fottuta cena al McDonald (cosa che mi ucciderà, quindi per un mese niente panini in quel postaccio) ed un lungo discorso con Igor, amico di vecchia data, eccomi di nuovo a casa.

Sono quì non perché devo sfogarmi, incredibilmente. Però vorrei raccontarvi alcune cose fuffa. Sono sicuro che apprezzerete… :3

Leggi il resto di questa voce

Uno schermo, una tazza di tè e degli occhi stanchi.

Ho passato dei giorni a casa ammalato. Non che non mi sia mai capitato, in realtà, però mi fa sempre riflettere.
Come adesso. Era a braccia consorte, seduto sulla mia sedia da studio, vecchia ormai di una decina d’anni, e mi stavo riposando, in tranquillità. Non mi succedeva da moltissimo.
Ed ho capito. Camera mia è solo una stanza, normalmente. Ma dopo mezzanotte diventa il mio regno. Mentre si scalda il termosifone sotto la scrivania, mentre fuori piove, mentre il tè si raffredda, io mi sento veramente a casa. Con tutte quelle cose intorno che la rendono unica: borraccia in alluminio, pila di libri per terra, schermi per il PC, un vecchio lettore CD fisso della Sony. Cose che hanno tutti, ma differenti.
La mia vita è fatta, in pratica, per passare più tempo possibile fuori: università, amici, Taiji. È per quello che devo utilizzare il tempo che mi rimane di notte per fare ciò che amo e, purtroppo, stare ammalato rovina questa cosa.

E detto questo torno a godermi il mio tempo, seppur limitato.